Le Regolamentazioni dei broker di Trading online

Per svolgere l’attività di Trading online in totale sicurezza e libera da pensieri è necessario iscriversi presso Broker regolamentati.

Vi diciamo subito che in caso contrario, ovvero se si apre un account su un broker che non ha nessuna autorizzazione si alzano di molto le probabilità di cadere vittima di truffa.

Nel web purtroppo ci sono molte persone che approfittano dell’ingenuità degli altri e quindi si nascondono dietro finte società le quali promettono grandi guadagni in pochissimo tempo.

Appunto non fidatevi di questi che dicono che con il trading online il guadagno è assicurato e che soprattutto diventate dei milionari in pochi minuti.

Non si sta parlando di società serie e riconosciute in tutto il mondo, come il broker eToro, Markets.com e 24option, ma di associazioni per delinquere.

Sfortunatamente in Italia, ma non solo, è forte la presenza di truffatori. Si tratta di società che non sono esaminate da nessuna autorità né in Italia e ancor meno nel loro Paese di origine.

Vi dovete fidare solo di broker autorizzati e certificati e che soprattutto sono controllati dalla CONSOB (Commissione Nazionale per le Società e la Borsa).

Il trading online è un’attività seria e quindi richiede una buona conoscenza e tanta pratica da parte dei trader.

Voi sicuramente vi starete chiedendo: “Ma da dove comincio?”. Non preoccupatevi ora vi parleremo di uno degli aspetti più importanti da prendere in considerazione dal momento che decidete di investire nel trading online.

Il trading online non si potrebbe fare senza l’esistenza dei broker online. Queste società fanno da intermediari finanziari. Il loro compito è quello di inserire ordini avviati dal trader. Hanno il permesso di operare su diversi mercati finanziari.

In Italia i trader devono rivolgersi solo a broker online che sono riconosciuti dalla CONSOB.
Non parliamo di certificazione, ma di autorizzazione che permette a un broker di offrire i loro servizi alle persone che risiedono in Italia. Questi broker sono sotto la supervisione appunto della CONSOB.

Un broker regolamentato dunque per svolgere la sua attività deve rispettare le regole a tutela dei clienti italiani.

Inoltre un broker professionale lo si riconosce anche dai servizi e strumenti che mette a disposizione per esercitare l’attività di trading, prima fra tutte deve avere riguardo dei provvedimenti intrapresi dall’ESMA. In specifico si parla della limitazione della Leva Finanziaria e anche della rimozione delle Opzioni Binarie. Questo provvedimento è stato preso sempre per tutelare gli investitori. Chi non rispetta queste regole non è autorizzato a operare nel mercato italiano ma anche nel resto dell’Europa.

Dunque la CONSOB ha il compito di analizzare e autorizzare i broker che offrono servizi nel nostro Paese e oltretutto controlla continuamente che queste seguano le regole che tutelano gli investitori italiani.

Nel sito ufficiale della CONSOB vengono segnalati tutti i casi di truffe da parte di broker che operano da abusivi finanziari.

Inoltre un broker regolamentato deve possedere le certificazioni rilasciate dagli enti regolatori presenti in ogni Paese di tutto il mondo.
Parliamo di CySEC (Cyprus Securities and Exchange Commission) che è l’autorità di vigilanza di Cipro. Ha il compito di rilasciare le certificazioni che autorizzano le società a operare su tutto il territorio Europeo.

A vigilare sull’Europa c’è anche la MiFID (Markets in Financial Instruments Directive). Tutte le banche e i broker che offrono il servizio di trading online devono rispettare questa direttiva comunitaria.
In specifico stiamo parlando di una legge che è stata autorizzata in Commissione Europea, che ha lo scopo di realizzare un unico mercato finanziario regolamentato all’interno dell’Unione Europea.

In questo modo a tutti gli investitori si garantisce una completa tutela. La direttiva ha il compito di controllare tutte le società assicurando da parte loro trasparenza per quanto riguarda il settore degli investimenti.

Per il Regno Unito c’è la FCA (Financial Conduct Authority) che ha il compito di regolamentare i mercati finanziari britannici.

Il trader se sceglie con attenzione il broker online dove andrà a effettuare i suoi investimenti può stare tranquillo che non sarà vittima di nessuna truffa.